Antifurto Perimetrale Prezzi Guida al Migliore

Quando si tratta di proteggere una proprietà privata da intrusioni e tentativi di effrazioni e furti un antifurto perimetrale si presta bene nella realizzazione di questo compito. I prezzi sono drasticamente calati negli ultimi anni e la spesa è irrilevante se pensiamo al grado di protezione che è in grado di offrire un sistema del genere.

Si definisce un antifurto perimetrale l’insieme dei componenti che protegge il perimetro di un’area. Può trattarsi della parte esterna di una villa ad esempio i muri confinanti con strada che danno accesso ad un balcone, il terrazzo di un appartamenti su cui insistono porte e finestre, magazzini, cortili, insomma tutte quelle zone all’ aperto.

Bisogna definire l’acquisto dei giusti componenti che sono diversi da quelli che lavorano in ambienti protetti, ovvero all’ interno. Esternamente la componentistica elettronica è sottoposta al lavoro di agenti atmosferici come pioggia, neve, vento, foschia che non solo danneggiano con il tempo la circuiteria, ma la mandano anche in confusione in determinate situazioni.

allarme perimetrale

Allo stesso modo un componente è alla mercè di ladri e malfattori che possono tentare di sabotarlo per renderlo inefficace nel suo lavoro.

Tutti i componenti di un antifurto perimetrale hanno un alto grado di protezione IP, espresso anche come IPX,  che indica la resistenza degli involucri meccanici e delle parti elettriche contro l’intrusione di particelle solide e liquidi, ma anche contro colpi di corpi contundenti. Vedi di più sul significato del grado IP.

Va da sè che un componente del genere ha un costo superiore rispetto ad uno che non possiede elementi protettivi. Abbiamo fatto qui sotto un riepilogo della differenza di prezzo tra sensori esterni ed interni:

  • sensore interno Pir, ad infrarossi prezzo medio compreso tra 30 e 90 euro
  • sensore esterno Pir infrared prezzo medio compreso tra 90 e 250 euro
  • Telecamera interna con sensori di rilevamento prezzo medio compreso tra 80 e 200 euro
  • Telecamera interna con sensori volumetrico prezzo medio tra 150 e 350 euro

Come realizzare un antifurto perimetrale

I componenti in grado di rilevare la presenza di un essere umano all’ aperto, il suo movimento, sono fondamentalmente due:

  • sensori esterni
  • barriere ad infrarossi

Abbiamo abbondantemente parlato dei sensori nel nostro blog. Ad ogni modo ricordiamo che esistono sul mercato diversi modelli.

  • AD INFRAROSSI: chiamati anche PIR riescono a captare la variazione di calore termica. Alla base c’è il principio che ogni corpo umano emette calore e si differenzia tra animale e uomo. Un sensore del genere riesce a captare la variazione al passaggio di un essere umano. Sono abbastanza veloci e distinguono bene tra un gatto ed una persona. Economici, ma non sempre efficienti, specie in condizioni repentine di variazione di calore. Pensiamo ad un raggio di sole che colpisce il sensore e lo manda in confusione
  • A MICROONDE: utilizzano le onde elettro magnetiche per saturare la zona in cui operano. Memorizzano questo indice e al passaggio di un essere umano captano la variazione di energia. Lavorano meglio dei Pir in condizioni atmosferiche difficili, ma possono essere soggette a disturbi radio.
  • DOPPIA E TRIPLA TECNOLOGIA: lavorano con entrambe le sopra descritte tecnologie prendono il meglio di una e dell’ altra, ma sono meno sensibili.

Quindi esternamente, nella realizzazione di un antifurto perimetrale, si lavora con sensori volumetrici e barriere perimetrali.

Queste ultime sono composte da un sensore emettitore ed uno ricevente posti in maniera perfettamente parallela. Coprono anche centinaia di metri, pensiamo ad una cancellata o ad un muro che corre lungo la strada e delimita il perimetro di una casa. L’emettitore invia il segnale che viene ricevuto dall’ altro sensore. Il filo invisibile a raggi infrared che si crea, se valicato o interrotto fa scattare l’allarme.

Per far funzionare sensori e barriere abbiamo bisogno della gestione, avviene con la centralina. I componenti sono connessi con un sistema filare oppure in modo wireless. Gli installatori preferiscono il primo metodo perchè meno soggetti a variabili esterne e ad un eventuale disturbo aereo provocato o non.

Un sistema filare inoltre non ha bisogno delle batterie per i componenti visto che si alimenta elettricamente. La centralina gestisce le segnalazioni di allarme inviando un messaggio via telefono, con linea fissa o con sim card oppure via internet allo smartphone se è previsto il modulo di controllo remoto.

Quanto costa un antifurto perimetrale

torniamo alla domanda iniziale. I prezzi sono scesi e possiamo cavarcela anche con meno di 1000 euro per un buon sistema. Dobbiamo ovviamente tener conto della quantità dei componenti che abbiamo comprato. Facciamo un riepilogo di quello che può essere il prezzo di un impianto perimetrale esterno:

  • 20 euro per contatto magnetico su porte finestre
  • 60 euro per sensore a tendina da montare sopra la parte alta della singola finestra
  • 150 euro per sensore esterno doppia tecnologia
  • 300 euro per barriera perimetrale da 50 metri
  • 300 euro per centralina con combinatore gsm
  • 100 euro per sirena esterna
  • 200 euro per telecamera videosorveglianza outdoor notturna

Abbiamo calcolato prezzi medi di un prodotto di buona qualità. A questo bisogna aggiungere il costo dei cavi se optiamo per un sistema filare e quello per il montaggio se vogliamo affidarci ad installatori.

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *