Sensore Volumetrico come Funziona e come fa a rilevare la presenza di Intrusi

Un sensore volumetrico, chiamato anche rilevatore di movimento, è un componente fondamentale in un sistema di sicurezza contro ladri ed intrusi, sia che siate in casa o che siate usciti. Utilizza una o più tecnologie per rilevare il movimento in una zona. Se un sensore “scatta”, un segnale viene inviato al pannello di controllo della centralina d’antifurto che invia un messaggio, sotto forma di chiamata, sms o altro avvisandovi di una potenziale minaccia.

La seguente guida risponderà a tutte le vostre domande sui sensori volumetrici di movimento: i diversi tipi in commercio, la loro adeguata collocazione, e come usarli.

sensore volumetrico

Il ruolo dei sensori volumetrici in un antifurto per la casa

Lo scopo principale del sensore è quello di percepire la presenza di un intruso ed inviare un allarme alla centralina. I sensori funzionano quando non siete a casa oppure quando siete presenti, ma solo in alcune zone dell’ appartamento. Pensiamo ad esempio durante la notte, quando dormite. Saranno disattivati quelli della camera da letto e attivati quelli del giardino e soggiorno.

Alcuni sistemi di sicurezza possono essere programmati per registrare gli eventi attraverso una telecamera di sicurezza che si accende automaticamente quando viene rilevato un movimento.

Insomma, i sensori di movimento fanno la guardia, pronti a reagire alle varie situazioni, come il movimento in salotto, davanti le finestre o porte che possono essere aperte o chiuse. Possono essere acquistati anche online su Amazon ce ne sono molti in offerta

I sensori volumetrici possono anche :

  • avvisare nel caso in cui un figlio entra in casa dopo una certa ora
  • Innescare una sirena quando qualcuno si avvicina alla porta d’ingresso
  • avvisare quando i bambini entrano in aree riservate in casa, come la cantina, la palestra, o l’ armadietto delle medicine
  • Far risparmiare energia accendendo l’illuminazione solo in presenza di persone
  • Comunicare se un animale domestico è entrato in zone dove non dovrebbe esserci

I vari tipi di sensore volumetrico

Ci sono due tipi di rilevatori volumetrici, quelli passivi o attivi . I primi non emettono energia, ma leggono leggono le variazioni di energia nella zona sorvegliata, ad esempio i PIR ad infrarossi. I sensori attivi emettono dell’energia (elettromagnetica o ad infrarosso) per rilevare la presenza di intrusi .

sensore allarme in kit

PIR: sono quelli piú utilizzati negli antifurti per la casa o in generale nei sistemi di sicurezza o automazione. Rileva la variazione di calore della stanza quando entra in un individuo nel luogo in cui è installato. Se la temperatura cambia rapidamente il sensore “scatta”. Attenzione ad usarlo in luoghi in cui sono presenti forni, camini o oggetti riflettenti luce che possono mandarlo in confusione.
Maggiori informazioni

Microonde : il sensore invia impulsi di microonde e misura la riflessione dell’ oggetto in movimento. Essi coprono una superficie maggiore rispetto ai sensori infrarossi, ma sono vulnerabili alle interferenze elettriche ed elettromagnetiche , sono più costosi.

Doppia tecnologia : I sensori di movimento possono combinare la tecnologia PIR e a microonde nel tentativo di ridurre i falsi allarmi. Ad esempio, un sensore a infrarossi passivo (PIR) potrebbe essere combinato con un sensore a microonde. Poiché ogni opera in diverse aree dello spettro, e uno è passivo e uno attivo, i sensori di movimento a doppia tecnologia generano meno falsi allarmi, perché l’antifurto si attiva solo se entrambi i sensori scattano.
Maggiori Informazioni

Ultrasonico: Invia impulsi di onde ultrasoniche e misura la riflessione di un oggetto in movimento.

Vibrazione: sensore che rileva la vibrazione. Sono montati su porte o finestre, oppure sul calpestio di fronte la porta di ingresso.

volumetrico

Come montare i sensori

Se si sceglie un impianto che richiede l’installazione professionale affidatevi con fiducia ai professionisti che sicuramente sapranno fare il loro lavoro. Se invece scegliete per il fai da te, comprando un kit di allarme ad esempio ponete attenzione al giusto posizionamento dei volumetrici.

Tenete a mente che i sensori di movimento non sono a prova di errore, e ci sono casi in cui si potrebbero generare falsi allarmi. Di solito causati da guasti elettrici, errori degli utenti, scarsa qualità del sensore, sbalzi di tensione, fulmini e componenti difettosi. Possono anche essere innescati da animali, insetti, fogliame o altri oggetti che vanno a coprire il sensore.

La cosa migliore che puoi fare per aumentare l’efficacia dei sensori ed evitare falsi allarmi è quello di leggere le istruzioni fornite con i sensori. Inoltre, prendere in considerazione i seguenti suggerimenti sul posizionamento del sensore di movimento:

  • Mantenere i sensori PIR almeno 3-4 metri lontano da bocchette di riscaldamento, da un eventuale camino acceso, dai radiatori. Se un sensore di movimento rileva un rapido cambiamento del calore, potrebbe scattare, così come potrebbe generare un falso allarme se ci sono specchi o superfici ampie riflettenti, oggetti in movimento come pendole.
  • Posizionare i sensori volumetrici in aree di passaggio obbligato, meglio se strette come corridoi o trombe di scale. In questo modo il sensore scatta indipendentemente dalla direzione dell’ intruso .
  • Passeggiate per la casa e valutate dove è che gli intrusi hanno più probabilità di entrare, e quale sono i punti sensibili. Tenete a mente che la maggior parte dei sensori di movimento non è in in grado di rilevare movimenti che sono piu’ lontani di 50 metri. La maggior parte dei ladri entra nella casa attraverso porte o finestre, quindi è consigliabile posizionare i sensori di prossimità quelle zone o all’ aperto lungo i muri perimetrali attraverso barriere a raggi infrarossi.
  • I sensori di movimento PIR funzionano meglio quando l’intruso cammina parallelo al sensore, mentre quelli a microonde se si cammina verso di loro. Ad esempio, in un corridoio si tende a camminare parallelamente alle pareti, non direttamente verso di loro.

Altri impieghi dei sensori

Specialmente quelli ad infrarossi trovano impiego in altre applicazioni. Ad esempio abbinati a dei lampioni che illuminano solo in presenza di persone, oppure nelle porte ad apertura automatiche, nei rubinetti dei bagni pubblici, nei tornelli o cancelli automatici.

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someoneShare on LinkedIn

6 commenti

  • salve ho una piccola villetta a Palermo, vicino il mare. Spesso c’è vento e volevo montare dei rilevatori di movimento nel giardino prospicente all’ entrata della casa. Un vento eccessivo potrebbe distrubare il lavoro dei sensori? grazie mille e complimenti

  • Marcello Nicoletti

    ciao Mario, il vento di per se non disturba il funzionamento del sensore, ma possono andare a finire sopra il rilevatore degli oggetti o dei fogli che ne impediscono la lettura, fai attenzione a queste cose…saluti

  • Buongiorno. Ho un piccolo, grande quesito. Un sensore volumetrico passivo di un impianto di allarme via radio segnala il passaggio della persona ma non dialoga con la centrale. Di fatto non funziona come dovrebbe. Da cosa può dipendere? La batteria è nuova. Grazie

    • Marcello Nicoletti

      Fabio potrebbe essere il sensore rotto, purtroppo conviene sostituirlo anche perchè in alcuni casi costano molto poco

  • raffaele principe

    ciao Mario ho due sensori IR montati in serie, mandano in allarme l’antiintrusione e non riesco a capire quale dei due potrebbe essere guasto e quindi sostituirlo.ho dovuto disattivare il settore per poter usufruire dell’allarme nelle restanti parti della casa. vorrei quindi fare delle prove prima con l’uno e poi con l’altro come posso fare? i fili devono essere uniti oppure distanti tra loro per non generare allarme?grazie

  • Marcello Nicoletti

    Ciao Raffaele scusa il ritardo nella risposta, per capire quale dei due genera falsi allarmi o non funziona hai due opzioni: li disattivi uno alla volta oppure li monti in parallelo invece che in serie. Comunque una domanda così è troppo generica servirebbero altri dati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *